Riapertura attività Salus

La Casa di Cura privata accreditata Salus di Ferrara, ha prontamente risposto alla richiesta della riapertura di Lunedì 4 Maggio 2020 delle attività ambulatoriali.

Il Poliambulatorio riprenderà l’attività regolare, garantendo anche l’apertura il sabato e la domenica per erogare i servizi necessari alla cittadinanza in totale sicurezza, permettendo, tra una prestazione e l’altra, la sanificazione.

Saranno garantite 770 prestazioni alla settimana specialistiche, oltre 3000 entro il mese di maggio, tra cui: ecografia, tac, risonanze magnetiche, ecodoppler, visite neurologiche, oculistiche, ortopediche.

Trasmettiamo di seguito le procedure di ricevimento per garantire i servizi in sicurezza ai pazienti.

All’entrata di Salus sarà posto un banco con distributore di gel idro-alcolico con un addetto eseguirà le seguenti verifiche:

  1. Controllerà che il paziente si presenti con mascherina e guanti e, in caso di mancanza, li consegnerà e li farà indossare (prima di indossare i guanti inviterà comunque alla disinfezione delle mani col gel idro-alcolico).
  2. misurerà la temperatura corporea con il rilevatore a distanza.
  3. farà firmare il modulo predisposto per l’autodichiarazione di non avere sintomi quali febbre, tosse, dispnea, anosmia e di non avere avuto contatti con persone COVID-19 positive
  4. verificherà l’orario in cui è previsto l’accesso del paziente, consentirà l’ingresso nell’area accettazione tenendo conto degli orari e allo stesso tempo dei posti disponibili all’interno. Chi si è presentato in anticipo o chi non potrà accedere perché il numero massimo di pazienti all’interno è già stato raggiunto, verrà invitato ad attendere nelle sedute sotto il porticato/gazebo.

Sono state predisposte sotto il porticato tavoli, sgabelli e sedute che agevoleranno il distanziamento sociale durante i tempi di attesa, a breve anche nelle aree verdi antistanti.

Anche all’interno della struttura, saranno rispettate le distanze di sicurezza come previsto dalle norme e saranno predisposti delle segnalazioni a terra per spingere i pazienti al rispetto.

I pazienti, dopo il check in all’accettazione verranno indirizzati alle attese ambulatoriali, in uno dei due corridoi, mentre i pazienti che accedono alla Diagnostica per immagini verranno indirizzati all’ingresso posteriore della Radiologia, raggiungibile tramite la rampa. Lì troveranno sedute per l’attesa, gel idro-alcolico per la disinfezione delle mani e, al momento dell’esame, verranno chiamati e fatti entrare dal personale. Dopo l’esame il paziente uscirà dalla stessa porta e potrà andarsene senza transitare nuovamente dall’accettazione. Nei casi in cui il paziente richiedesse un giustificativo per il lavoro, gli verrà consegnato dall’accettazione con data e orario mentre la radiologia apporrà orario di fine prestazione, timbro e firma, sempre in modo da evitare al paziente di ripassare dall’accettazione.

Al momento della prenotazione sarà notificato al paziente che, in caso di insorgenza il giorno prima della prenotazione o il giorno stesso di sintomi tipo COVID (febbre>37,5, tosse, dispnea, anosmia) dovrà comunicarlo e la prestazione sarà rinviata.

I visitatori durante la pandemia di coronavirus non potranno accedere ai reparti ma i reparti possono mettere in comunicazione i visitatori con i pazienti tramite strumenti personali o tramite tablet fornito dal reparto.

Salus è consapevole che combattere questo virus significa assumersi un grosso impegno in termini di garanzia della sicurezza per i pazienti e le famiglie; ritiene inoltre che tutti gli operatori della sanità, a tutti i livelli, debbano responsabilmente e concretamente offrire il loro contributo per rispondere, con un’azione sinergica, alle esigenze della cittadinanza in un momento di emergenza. Tutti gli operatori infatti sono pronti a dare il loro contributo, sono attrezzati e preparati per affrontare l’emergenza, anche se fino ad oggi non c’è ancora stato bisogno.

 

chirurgia-ortopedica-salus

 

Recent Posts

Leave a Comment