La Dott.ssa Manzato all’8° Convegno Modenese sui DCA

8° Convegno Modenese sui Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) Convegno Regionale della SISDCA
Emilia-Romagna – Marche

L’approccio fondato sulla famiglia: la Family Based Therapy (FBT) per i DCA secondo il modello Maudsley

Modena, Giovedì 03 Novembre 2016

Siamo giunti alla 8° edizione del Convegno Modenese sui DCA, caratterizzato da revisione sistematiche di argomenti di interesse clinico con la modalità di relazioni di ampio respiro o di workshop Anche quest’anno esso coincide con il Convegno Regionale della SISDCA (Società Italiana Studi Disturbi del Comportamento Alimentare-Obesità) – Regione Emilia Romagna e Marche -occasione preziosa di ulteriore arricchimento culturale.

La delibera della Regione Emilia Romagna (DGR 1298/2009) e il Programma DCA dell’Azienda USL di Modena (D.DG 199/2013) prevedono che il Sistema di cura dei pazienti con DCA in ogni Provincia sia basato su un approccio multidisciplinare (psicologico – psichiatrico e medico internistico-dietologico) in équipe – un sistema complesso organizzato secondo il modello hub and spoke. A Modena la collaborazione fra Dipartimenti territoriali e ospedalieri offre l’opportunità di continuità, omogeneità ed economicità di cure a diversa intensità (multistep) nelle diverse fasi della malattia, acuta e protratta. Gli anni scorsi il Convegno ha messo a fuoco altrettanti “mattoni” di questa costruzione: aspetti gestionali; terapia cognitivo-comportamentale; lavoro interdisciplinare in equipe; le “terapie evidence-based”; gli esordi dei DCA; la terapia e riabilitazione nutrizionale; le terapie familiari. Nelle ultime edizioni ci siamo focalizzati sulla terapia psico-nutrizionale, che è associata alle psicoterapie individuali. Approfondiamo quest’anno il ruolo della famiglia nella terapia psico-nutrizionale; in particolare la FBT secondo il modello Maudsley.

Innanzitutto il Workshop sul “Maudsley 1”: dal 1987 costituisce la terapia evidence-based dell’adolescente con DCA di tipo restrittivo, secondo principi sconvolgenti per la cultura medica tradizionale. Un tavola rotonda riguarderà poi gli sviluppi della ricerca del Maudsley nella gestione dei careers dei pazienti e il possibile ruolo della FBT nei nostri sistemi curanti. Proprio il Maudsley di Londra negli gli anni ’80 ha segnato una rivoluzione, con il recupero delle famiglie nella terapia dei DCA. Le famiglie erano fino ad allora considerate solo patogene. Esse costituiscono in realtà una risorsa nella cura dei ragazzi colpiti da una malattia grave, anche mortale, come i DCA – famiglie responsabilizzate nella lotta quotidiana contro la paura del cibo e del proprio corpo, famiglie da aiutare nel recupero di relazioni funzionali utili alla guarigione del figlio malato, famiglie da supportare nella durissima esperienza della malattia del figlio, che impaurisce e destabilizza.

Nota. L’immagine di Steve McCurry “Afghan Girl” è stata ripresa direttamente dai materiali promozionali e di comunicazione del Convegno. 

Recommended Posts